Marta

Marta

Marta è un piccolo ma pittoresco paese che sorge sulle sponde meridionali del lago di Bolsena, con estensione alle pendici del Monte Marta.

Incerte le origini del paese, la prima fonte dell’esistenza del borgo risale al 726 d.c., con legami al Patrimonio di San Pietro. Nel periodo medievale Marta vide il susseguirsi di diverse signorie e famiglie nobili pronti a contendersi il territorio, tra i quali; i Di vico, La chiesa, Farnesi, Orsini etc.

Il centro storico è caratterizzato da angoli caratteristici, piazzette e archi delle porte d’ingresso delle cinte murarie. Lungo i vicoli del borgo che conducono al belvedere si trova la Torre dell’Orologio che si innalza per circa 21 metri. La costruzione ha origini antichissime probabilmente antecedenti al XII secolo.

Su una collina, a poca distanza dall’abitato, sorge il piccolo santuario della Madonna del Monte, dove si conserva un’immagine della Vergine di scuola fiorentina. La Madonna del Monte viene onorata con la centenaria festa contadina (14 maggio) “La Barabbata”, è un vero corteo storico. La sagra del Lattarino sempre nel mese di maggio, è forse quella che più attrae i visitatori con la degustazione del pesce fritto lungo le vie del borgo.

Marta ha tutte le caratteristiche di un villaggio di pescatori con modeste casupole in cui piani terreni ospitano, accoglienti trattorie con invitanti piatti locali accompagnati dal tipico vino rosso chiamato “cannaiola”.